GIANLUCA LERICI AKA PROF BAD TRIP

 

PROF BAD TRIP AKA GIANLUCA LERICI
11/06/2016 – 30/07/2016

Scarica il catalogo in formato PDF:
Download the catalogue in PDF format: 

 

 

Estratto dal testo critico a cura di Vittore Baroni.
Il cybernautico Gianluca “Professor Bad Trip” Lerici, per anni testimonial di controculture virtuali e guru del più robotico immaginario techno-trash, in realtà non possedeva e non utilizzava il computer.
Del resto, è noto che anche Bruce Sterling, iniziatore e ideologo della fantascienza cyberpunk, ha battuto i suoi primi romanzi su una comune macchina da scrivere. Per l’appendice del suo Almanacco apocalittico, uscito nella Piccola Biblioteca Oscar Mondadori nel marzo 2002, il Prof. mi chiese di condurre con lui un’intervista postale. Inviai dunque una lunga serie di domande, che lui poi selezionò e integrò con altre farina del suo sacco (attribuite a tal Mister K) e con un paio di interrogativi suggeriti dall’amico Marco Philopat. Non molto tempo dopo, l’artista mi fece pervenire una busta con tutte le risposte ordinatamente redatte a mano su ben cinquantacinque fogli protocollo a quadretti, ciascun argomento corredato di minuziose note e relativa bibliografia.

Extract from the critical text by Vittore Baroni.
The cybernaut Gianluca “Professor Bad Trip” Lerici has been, for years, a spokesperson of virtual countercultures and a guru of the most robotic techno-thrash imagination; he did not, however, own or use a computer. After all, it is renowned that even Bruce Sterling, pioneer and theorist of the cyberpunk sci-fi, wrote his first novels on a common typewriter.
The Professor asked me to interview him via mail for the appendix of his Almanacco apocalittico, published by Piccola Biblioteca Mondadori on March 2002. Therefore, I sent him a long series of questions, that he chose and completed with a few more that he had written himself (attributed to a certain Mister K) and a couple more questions by his friend Marco Philopat. Not long after that, the artist sent me a folder containing all of the answers: there were 55 neatly hand-written sheets of paper, where each topic was accompanied by detailed notes and related bibliography.

 

 

Share Project :

  • Share Project :